L'Appunto di Aly Baba Faye

Italia-Iran: un partenariato win-win!

Hassan_Rouhani

L’Italia prima tappa del tour di Hassan Rohani dopo la revoca delle sanzioni economiche all’Iran in seguito all’entrata in vigore dell’accordo sul nucleare. D’altronde, lo stesso presidente iraniano durante la conferenza stampa della settimana scorsa aveva citato l’Italia tra i paesi amici. Dunque ieri Rohani è arrivato a Roma con una delegazione di imprenditori. L’Incontro con il premier Italiano è stato a dir poco fruttuoso per entrambi i paesi. Affari miliardari, accordi bilaterali, e cooperazione nella lotta contro il terrorismo di Daesh. Dunque una visita molto importante che, oltre i risvolti economici, assume una valenza politica di una fase interessante nella vicenda geopolitica mondiale. La scelta dell’Italia, come partner privilegiato da parte dell’Iran, non è caduta dal cielo ma è frutto di una tradizione di diplomazia dell’equilibrio che ha connotato il posizionamento del Bel Paese sulla scena internazionale. Eppure in queste ore la visita del presidente iraniano sta sollevando critiche e polemiche per l’accoglienza riservata al capo di uno Stato accusato di non-rispetto dei diritti umani. Ma si sa che non è l’amicizia il criterio di scelta dei rapporti tra Stati bensì gli interessi. E Come conferma lo stesso premier italiano Matteo Renzi italiano “anche nei settori su cui sono più marcate le nostre distanze, come sui diritti umani, abbiamo dimostrato di saper dialogare e discutere”. Pur essendo sensibile al rispetto dei diritti umani e pur capendo le obbiezioni che si fa all’Iran ritengo che ciò non doveva essere d’intralcio allo sviluppo dei rapporti bilaterali. Anche perché facendo gli “schizzinosi” fino in fondo dovremo forse rompere i rapporti con gli USA dove ancora vige la pena di morte o con la Cina dove il rispetto dei diritti umani non è certo una preoccupazione del governo di Pekino. Che dire dei diritti dei profughi e/o migranti che in Europa qualcuno nega al punto da rimettere in discussione la stessa tenuta dell’Unione Europea? Sappiamo di dover trattare con degli interlocutori non sempre perfetti! Dunque, credo che, senza dover rinunziare ai nostri valori (libertà, democrazia e diritti umani), non possiamo sacrificare l’interesse nazionale. Perciò benvenga il partenariato win-win. Questione di Realpolitik!

Annunci

Written by Aly Baba Faye

26 gennaio 2016 a 13:49

Pubblicato su politica