L'Appunto di Aly Baba Faye

Ballottaggi a Milano: la variabile islamica!

leave a comment »

.

.

Dunque il botto registrato nel primo turno delle elezioni a Milano ha stordito il centrodestra, e inferto un duro colpo al Sultano di Arcore ma anche a Umberto il Padano. La performance di Giuliano Pisapia è stato un colpaccio. Milano vacilla. La sua amministrazione per i prossimi anni potrebbe essere affidata al centrosinistra dopo tanto tempo. Una prospettiva allettante per molti, un incubo per altri. La perdita di Milano non può non avere effetti sulla politica nazionale. Anzi potrebbe travolgere la stessa stabilità del governo Berlusconi. Lo sa il Sultano e lo sa anche il capo Padano. Tuttavia, si dice che Letizia Moratti abbia sbagliato campagna elettorale. Ma Lei dice che anche il Sultano di Arcore abbia sbagliato avendo voluto trasformare il voto in un Referendum su di sè. In ogni caso non c’è da attardarsi sui commenti del dopo-voto e sulle interpretazioni di una sconfitta che tale rimane e che potrebbe diventare anche una disfatta. Dunque da qui al ballottaggio, c’è da capire come Pdl e Lega intendono rimediare. Dai primi segnali di avvio della campagna per i ballottaggio sembra che il centrodestra voglia far leva sulla paura. Un ingrediente ever green nella saga della propaganda di destra. E così tra gli argomenti su cui far leva c’è lo spauracchio dell’Islam. E già! Pare che Magdi Allam il Cristiano si sia candidato per diventare assessore all’integrazione in una eventuale giunta Moratti. Si sa Egli è uno specialista dell’anti-islamismo militante. In ogni caso quel che è ipotizzabile è che la variabile islamica potrebbe entrare in gioco e diventare centrale e persino decisiva nella battaglia elettorale. Non sarei sorpreso se prima del voto la stampa ci consegnasse la notizia di un attentato sventato in estremis. Naturalmente i responsabili saranno membri di qualche cellula dormiente legata non soltanto ad Al Qaeda ma alla Moschea di viale Jenner. Tra l’altro sono circa 10 anni che Magdi il Cristiano descrive quella moschea come un covo di terroristi ma finora le sue insinuazioni non hanno avuto riscontro. Comunque una campagna su questo argomento sarebbe il segno della disperazione per il centrodestra. Ma potrebbe produrre risultati secondo alcuni “spin imams“. Un argomento in grado di offrire un arsenale propagandista molto assortito. E giù di lì con i discorsi di gruppi che vogliono vendicare la morte di Bin Laden. E giù di lì con rischi di proliferazioni di moschee a Milano. E giù di lì con le minacce delle radici cristiane di Milano. Tutti discorsi funzionali a mobilitare il popolo del “jihadismo” padano. Insomma, una campagna fatta su questo terreno potrebbe segnare forse l’esito finale. Spero che il centrosinistra sia attrezzato per  controbattere con un argomentario altrettanto efficace il discorso dell’odio e della paura. Confido nello staff di Pisapia e i partiti che lo sostengano. Questione di comunicazione!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...