L'Appunto di Aly Baba Faye

Bossi e Fini: i gemelli diversi!

leave a comment »

.

.

.

Bossi e Fini.  Umberto il Padano e Gianfranco il Nazionalista. Sono i gemelli diversi della politica italiana. Seconda Repubblica. Sono due tra i maggiori protagonisti della cosiddetta seconda Repubblica. Le loro vicende politiche sono speculari e i loro percorsi si intrecciano in un destino di competizione umana e politica. La cifra del loro rapporto è come lo ying e lo yang dove però situazioni mutevoli assegnano ruoli diversi di volta in volta all’uno piuttosto che all’altro. Insomma, due personaggi legati da un rapporto dialettico in cui si alternano sentimenti e interessi diversi. Amore e odio, conflitto e collaborazione sono un continum del loro sodalizio nell’agorà. I loro rapporti sono la metafora di convergenze paralleli o di divergenze compattibili.  Gianfranco il patriota coltiva “religiosamente” il suo nazionalismo patriottico  mentre Umberto il Padano coltiva il suo nazionalismo padano con puntigliosa velleità secessionista. Il primo venera il Tricolore mentre il secondo lo denigra un giorno sì e l’altro pure. E spesso è accaduto che sono loro a dover decidere le sorti di un loro comune alleato/nemico politico: il Sultano di Arcore.  Nel ’94 fu Bossi che staccò la spina al primo governo Berlusconi (vedi qui) prendendo su di sè anche l’ira di Gianfranco il quale giurò: “mai più con Bossi neanche per un café.”  Ma poi si son ritrovati a braccetto e in nome della difesa nazionale hanno concepito assieme la Bossi-Fini, la legge sull’immigrazione attualmente in vigore. Chissà quanti café sono stati digeriti per preparare quella legge. Ma si sa la politica è una cosa così. Poi la cronaca politica degli ultimi anni racconta della conversione di Fini, il quale rinnegò la Bossi-Fini che  forse gli sembra pieno di mostruosità quasi fosse un compendio di “parole di troppo” e dunque scritto da stronzi. Ma il pentimento di Fini sembra sincero e le sue prese di posizioni sull’immigrazione spiazzano la sinistra e fanno incavollare il Patriarca Padano. Oggi i due si sono ritrovati nel sentiero del destino, con sempre una crisi di governo all’ordine del giorno e sempre con il famoso Sultano di Arcore.  Questa volta però le parti sono invertite, Bossi vuol salvare B mentre Fini cerca di affondarlo. L’incontro  pare abbia prodotta  solo una fumata nera (come riportato qui). Gianfranco il Patriota è determinato. A lui è toccato  l’onore di sfiduciare l’ex amico-alleato, quando dalla Convention di Perugia – dove si è riunita la sua ennesima nuova creatura FLI- ha chiesto a Silvio di rassegnare le proprie dimissioni. Ora, non so cosa succederà nei prossimi giorni e come proseguirà la trattativa tra i due ma quel che è certo è  l’irreversibilità della crisi. Ma quale che sarà la soluzione non potrà fare a meno dei gemelli diversi. Questione di prot-agonismo!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...