L'Appunto di Aly Baba Faye

Nude o coperte, dov’è la libertà?

leave a comment »

Se non fosse drammaticamente un dibattito politico, si potrebbe tranquillamente pensare che si tratti di una farsa. Invece il tema nazionale che sta tenendo banco in questi giorni è la nuova “emergenza burqa”. Sembra che il destino del paese sia legato al voyeurismo politico reclamato dalla Lega. Ci dicono che  sia urgente  spogliare le donne “coperte” le quali offendono la “tradizione” del bel paese. Ormai la politica ci ha abituato a questi slanci di surrealismo  tragicomico (vedi qui). La verità però è un’altra ed è che la proposta della Lega inaugura la solita campagna elettorale. Quella basata sull’individuazione del nemico che viene da fuori. Il tentativo è quello di delimitare il perimetro del confronto elettorale  su imbecilità demagogiche su cui i leghisti sanno di essere più competitivi nonostante lo sforzo volontaristico di qualche improbabile competitors alla ricerca di consenso.  Come dire c’est la politique! Detto questo, rispetto alla discussione io personalmente dico che non sono affatto un tifoso del burqa. Anche se temo che si dice Burqa pensando ad ogni indumenti come l’hijab e il chador che non sono incompatibili con il dovere di farsi identificare. In ogni caso quello del Burqa rinvia a un tema che ha sempre suscitato passioni sopratutto per i maschi: il corpo delle donne.  Dispiace costatare che la “donna-corpo”  è spesso oggetto di mercificazione. Su questo Freud non ha tutti i torti. Comunque la si mette, la questione di fondo resta quella del controllo “sociale” del corpo delle donne. Che le si costringe in maniera velata a spogliarsi o che le si obbliga apertamente a mettersi il velo non cambia niente il fine è lo stesso: disporre del corpo della donna. Che le si vuole corpo-esposto o corpo-nascosto è una questione di prospettiva. Resta sempre il tema del dominio sociale sulle donne e la negazione della loro autonomia e libertà.  La rappresentazione della donna-oggetto ormai è una questione transculturale che nasconde una vera violenza . E’ questo il punto che nessuno vuol affrontare ponendo al centro del dibattito la donna, la sua soggettività e la dignità della donne. In fondo che siano coperte o in copertine, le donne sono quasi sempre chiamate a non “disporre liberamente del loro corpo” e questo è inacettabile. Questione di dominio.

Annunci

Written by Aly Baba Faye

8 ottobre 2009 a 19:02

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...