L'Appunto di Aly Baba Faye

Sicurezza: Una mina vagante!

with 2 comments

E’ ormai tanto tempo che in me prevale una resistenza alimentata dall’ottimismo della volontà e sorretto da una audacia della speranza. Ma oggi la congiunzione di due fatti mi hanno fortemente scosso: l’incendio dei campi Rom a Napoli e l’appello sul sito di stranieri in Italia di uno sciopero generale degli immigrati. Sono due fatti che più di ogni cosa ci raccontano del livello di tensione cui siamo giunti nella convivenza tra diversi. Il livello di sopportazione reciproca è scesa al di sotto della soglia minima di accettabilità e tutto questo non prefigura niente di buono. Di questo passo non è da escludere un proliferare di piccole faide o addirittura di guerre di faglia o forme di pulizia etnica nel momento in cui il conflitto sociale non è più solo di natura verticale tra capitale e lavoro ma assume connotati sempre più orizzontali lungo le linee della diversità culturale. Questo è il vero allarme sociale che è scaturito della propaganda sulla sicurezza e il suo corollario la xenofobia. Quel che Hannah Arendt chiamava la crisi della cultura è più che mai d’attualità e oggi si palesa nell’abdicazione degli intelletuali e la dittatura del senso comune che si regge sulla categoria del “dato di fatto” nella ormai classica dichotomia tra natura e cultura che vede trionfare il corpo rispetto allo spirito. Forse siamo giunti davvero alla tolleranza zero alla gioia di qualche capopopolo che non vede l’ora di arruolare truppe per guidare una nuova stagione delle faide etniche!

Annunci

Written by Aly Baba Faye

14 maggio 2008 a 22:08

2 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. c’e’ bisogno di te e di un tuo autorevole e prolungato impegno su questo tema.

    Gabriele De Giorgi

    15 maggio 2008 at 17:29

  2. è l’insicurrezza e la paura sfruttata ad arte dai capopopoli a scagliarsi contro chi è percepito come diverso (con una preminenza dell’elemento visivo).

    La pulizia etnica è la naturale conseguenza dell’uomo visto come merce. se non servi e non mi piaci faccio pulizia e mi compro un’altro giocattolo.

    Per il resto la dicotomia corpo spirito è un retaggio antiquato da superare. come separi natura e cultura oggi?

    sparkaos

    14 maggio 2008 at 23:00


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...