L'Appunto di Aly Baba Faye

Zapatero: quando la politica fa rima con credibilità

leave a comment »

José Luis Zapatero ha presentato la sua squadra di governo per il secondo mandato. Tante sono le novità annunciate che puntualmente si realizzano. Spiccano tra tanti lo “squilibrio di genere” con una prevalenza di donne nella squadra di governo (9 donne contro 8 uomini) e come se non bastasse mette al ministero della Difesa una donna e l’aspetto generazionale si manifesta altresì con la scelta di una donna di 31 anni, la personna più giovane che abbia assunto questo incarico nella storia di Spagna. Assai significativa è la creazione di un Ministero per l’uguaglianza. Insomma, anche questa volta José Luis ha mantenuto la parola data come aveva già fatto durante il suo primo mandato con un bilancio che gli ha valso la rielezione (parità di genere, ritiro delle truppe dall’Irak, rispetto della laictà dello Stato, riconoscimento del matrimonio tra omosessuali, e in più ottimi risultati sul piano della crescita economica e della coesione sociale ). Che dire? Zapatero è un socialista moderno e per lui il discorso post-ideologico è una “ideologia della mistificazione”. Quando succede che un politico si comporti con grande coerenza certamente fa notizia considerando che siamo diversamente abituati. Dunque siamo di fronte alla bella politica, quella fatta di idee, valori, passioni e convinzioni non solo di tatticismi, di doppia morale e di furbizie. Una politica nel senso nobile del termine, una bella politica non predicata ma praticata con serietà, corraggio e coerenza. Per questo Zapatero sarà ricordato non come un bravo capo di governo ma come un vero leader, un politico credibile che nobilita la politica, uno che dice quel che fa e fa quel che dice. Non è poca cosa! Il fatto che ne parliamo è significativo del fatto che la sua figura appare come un’eccezione in tempi in cui la politica è screditata!  Mi piace immaginare che coloro che lo hanno votato lo abbiano fatto consci di non avere scelto il “meno peggio” ma il meglio! Infine, una curiosità sullo stile di una nuova leadership che si sta affermando, quella della generazione degli anni ’60: José Luis Zapatero è nato il 4 agosto 1960 ed è curiosa la coincidenza con un altro leader positivo come Barack Obama anch’egli nato il 4 agosto 1961. Spero che anche lui da Presidente degli USA confermi nei fatti la faccia da politico credibile con la quale si è presentato sulla scena politica a partire dalle  primarie. Questi due leaders hanno, oltre  la data del compleanno qualcosa in comune: sono entrambi politici sinceri, corraggiosi e coerenti. Sono anticonformisti non populisti non temono di sottoporsi al giudizio quando sono convinti delle loro idee: José Luis ha sfidato la Chiesa spagnola sulla laicità e sui diritti civili mentre Obama si è opposto alla guerra in Irak quando era la cosa pù impopolare del mondo. Si potrebbe fare molti esempi come la decisione di zapatero di ritirare le truppe o la presa di posizione di Obama che sfida i poteri forti dai lobbyisti a Wall Street, allo strapotere dei Managers che a dir suo guadagnano in pochi giorni quello che guadagna un lavoratore normale in un anno. Gli esempi ci sono ancora …. 

Concedendomi una nota personale posso dire che anch’io sono della loro generazione essendo nato il 22 agosto 1961 ed è forse per questo motivo (irrazionale) che le loro personalità mi hanno subito attratto e per questo posso rivendicare di esser tra i loro sostenitori in tempi non sospetti.

Annunci

Written by Aly Baba Faye

12 aprile 2008 a 19:31

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...